VITTORIA SOFFERTA CONTRO L’ULTIMA IN CLASSIFICA

  • 2 Maggio 2019
Il San Mamolo cerca con forza di perdere contro l’ultima in classifica, senza farcela
POL.SAN MAMOLO – Castelbolognese 61-57
Parziali 16-8, 17-17, 14-18, 14-14
Pol.San Mamolo: Conti, Tabellini, Tartarini 10, Romeo 13,Resca 7,  Tonucci 5,  Dalle Nogare, Gasparetto, Raspadori 8, Righetti 8, Finocchi A. 8, Finocchi L. 2.  All. Sarti S.
Castel Bolognese:  Zaniboni 18, , Scardini, Giacometti 11, Peroni , quadalti 6, capirossi 20, calini 2   All. Scardovi P.
ARBITRO: Manservisi
Domenica pomeriggio di sole. Parco della lunetta gamberini inondato di piumini. Bambini che giocano, piccoli ciclisti sui loro mezzi. Vi sembra un inizio poco roboante e troppo bucolico? Niente rispetto alla partita, a cui la polisportiva San Mamolo si è avvicinata con la sufficienza che ci si sarebbe aspettati in un incontro Golden State vs CastelSan Pietro. Con una unica differenza: noi non siamo Golden State.
Castel Bolognese è ultima in classifica, a zero punti. All’andata abbiamo vinto con ottanta punti di scarto in casa loro. Dotati di un coach con voce tenorile, i ragazzi di Castello arrivano a ranghi ridottissimi. Quindi tutto sembra orientarsi ad una partita pro-forma. Ma tutto questo è un ragionamento razionale. San Mamolo al contrario non è mai una squadra razionale. Oltre all’abitudine di giocare tendenzialmente meglio con squadra forti, oggi il team ha sentito particolarmente la primavera: scarsa concentrazione, intensità di una lumaca al pascolo, precisione sotto canestro di alcuni giocatori del Bologna in giornata no. Così vinciamo il primo quarto senza fatica, ma alla velocità di un bradipo. I nostri avversari possono contare su qualche buona individualità, ma se anche solo un poco pressati faticano a liberarsi e tirare. L’inizio del secondo quarto è il nostro migliore: velocità e pressing (le nostre armi abituali) ci tengono gli avversari lontani con un abbondante vantaggio a doppia cifra a metà quarto. Da lì iniziano due quarti di pura follia e inconsistenza che terminano con il vantaggio di un punto dei nostri avversari. Fortunatamente negli ultimi due minuti il San Mamolo si ricorda di essere squadra e con due palle intercettate mette fine alle sofferenze del pubblico. Vittoria immeritata davanti al pubblico di casa che non è entrato in campo a tirare due scapaccioni ai figlioli solo per buona creanza e per timore di multe da milioni di euro. Un indubbio passo indietro rispetto alla prestazione con IMOLA A.
PS1: commento dei genitori a fine partita:” la prossima volta vado a fare una lunga passeggiata in un posto in cui non prende il telefono e se mi provate a cercare dico di essere un altro”.
PS2 i nostri avversari ad un certo momento hanno assaporato la possibilità della inattesa vittoria. Tutto entrava (alla fine saranno ben 6 le bombe da 3 segnate), mentre noi eravamo davvero  inguardabili. La delusione per loro è stata notevole dopo che il sogno è svanito. D’altra parte, non sempre arriva il Principe a provare le scarpe a Cenerentola…..